Turbo treni

I turbo treni sono molto veloci ed i viaggi si fanno in un lampo. Pensate che quando c’erano ancora i treni normali, un singolo viaggio poteva durare anche più di dodici ore. Proprio per via del fatto che si doveva passare molto tempo in treno per fare un viaggio, la gente che viaggiava nello stesso scompartimento, dopo un po', cominciava a parlare. In genere le conversazioni cominciavano proprio con delle lamentele sulla lentezza del mezzo di trasporto, sulla sua scomodità oppure sull’inefficienza generale del servizio, ma questo era solo l’inizio ed è forse vero che alcune tra le migliori e più interessanti conversazioni dell’epoca nacquero proprio così. In treno.

Dopo aver rotto il ghiaccio, i compagni di viaggio occasionali usavano anche offrirsi cibo e bevande: qualcuno raccontava delle corte storielle ridicole che all’epoca erano chiamate “barzellette”, e il viaggio era scandito dal passaggio nelle varie località, che si potevano guardare dai finestrini.

I sistemi informativi automatici erano praticamente inesistenti e non era ancora un calcolatore pensante a guidare il treno, invece di sganciare i moduli con i passeggeri per una certa destinazione come avviene ora, tutto il convoglio doveva fermarsi ad una singola stazione per far scendere chi doveva e poi ripartire dopo un certo tempo.

Quando i compagni di viaggio occasionali si lasciavano, anche se la conversazione era iniziata per lamentarsi, sembravano contenti, e, ogni tanto, passare tutto quel tempo in treno sembrava addirittura una cosa piacevole.

Nei treni dell’epoca nascevano amicizie, amori; addirittura affari e società. Questo era proprio dovuto al fatto che c’era del tempo da perdere e c’era l’occasione per la gente di parlare con altra gente incontrata per caso.

Probabilmente, ad un certo punto, qualcuno che non riusciva a parlare con le altre persone, ha inventato i turbo treni. 


Iscriviti a Climberant per leggere i commenti e interagire con gli utenti della community.

Iscriviti